Autostima guide pratiche

Psichiatra, psicoterapeuta ACT, docente di terapia cognitivo comportamentale, fondatore e responsabile scientifico dell'Istituto per le Applicazioni della Mindfulness alla psicoterapia e la medicina.
Leggi tutto

Autostima

Gruppo: 

La psicoterapia cognitivo comportamentale è un intervento terapeutico basato sulla ricerca sull'efficacia clinica, recentemente integrato con la mindfulness, particolarmente adatto a risolvere i problemi di ansia, i problemi dell'umore e i problemi di autostima.

Tutte le difficoltà emotive implicano, in qualche modo, problemi di autostima.

Chi soffre di disturbo di panico, ad esempio, può sentirsi "inadeguato", "diverso dagli altri", "eccessivamente spaventato", "debole", e sentimenti analoghi possono accompagnare la depressione, il disturbo ossessivo compulsivo, la fobia sociale, i disturbi del comportamento alimentare, le dipendenze, e tutti gli altri problemi di natura emotiva.

Tuttavia vi sono persone che, anche in assenza di specifici disturbi emotivi, ritengono di avere una inspiegabile, cronica, insuperabile carenza di autostima, spesso detta "scarsa autostima".

Ebbene, bisogna sapere che l'autostima non è un muscolo che qualcuno può avere più o meno sviluppato, ma la risultante di tante componenti.

Per migliorare la propria autostima non serve prendersela con se stessi ed è sbagliato pensare di esserne meno dotati di altre persone.

Uno degli scopi della terapia consiste, piuttosto, nel comprendere quali sono precisamente quei comportamenti che ci fanno pensare di essere inadeguati e lavorare per modificarli in una direzione più appropriata.

Classicamente, uno dei comportamenti spesso connessi con idee di inadeguatezza è il comportamento detto passivo.

Il comportamento passivo consiste nella tendenza a rinunciare ai propri diritti, al proprio punto di vista, alla propria visione delle cose, per aderire quasi incondizionatamente alle richieste o, a volte, alle pretese degli altri. Chi si comporta spesso in modo passivo tende inoltre ad essere facilmente preda di comportamenti manipolativi.

Chi si comporta in questo modo tende a pensare che fa così perché ha scarsa autostima. Ma invece è vero esattamente l'opposto: una persona tende ad avere scarsa autostima perché si comporta in modo passivo e facilmente manipolabile.

Un altro comportamento caratteristico nei problemi di autostima è chiamato aggressivo. Nel comportamento aggressivo le persone tendono a farsi rispettare ricorrendo ad un eccesso di aggressività.

Bisogna dunque apprendere a identificare quei comportamenti e a modificarli in una direzione più assertiva e bisogna apprendere a difendersi dai comportamenti manipolativi. L'assertività è la capacità di rispettare se stessi, le proprie opinioni, i propri diritti, le proprie esigenze, senza prevaricare gli altri.

In questa sezione saranno affrontati temi riguardanti l'autostima, l'assertività, i comportamenti passivi, aggressivi e manipolativi.

MBSR online

Il protocollo MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction) ONLINE, per apprendere la mindfulness comodamente a casa propria con Marco Tosi, uno dei più autorevoli docenti di Mindfulness Based Interventions. Con video, audio, slide. Anche in versione ECM.

Libri & ebook consigliati