Mindfulness guide pratiche

Psichiatra, psicoterapeuta ACT, docente di terapia cognitivo comportamentale, fondatore e responsabile scientifico dell'Istituto per le Applicazioni della Mindfulness alla psicoterapia e la medicina.
Leggi tutto

Centri IAM

Mindfulness

Gruppo: 

Il termine mindfulness deriva dalla parola sati che in lingua pali significa approssimativamente ricordarsi nel senso di ricordarsi di essere consapevoli, e questo concetto, molto vicino al senso in cui lo adoperiamo noi oggi nella pratica psicoterapeutica e nei protocolli di insegnamento della mindfulness, venne utilizzato per la prima volta da Buddha oltre duemilacinquecento anni fa.

Secondo la definizione corrente data in ambito scientifico, il termine “mindfulness” si riferisce ad una attenzione consapevole, intenzionale e non giudicante alla propria esperienza nel momento in cui essa viene vissuta.

E in che modo la pratica di attenzione non giudicante al presente, insomma la pratica della mindfulness, migliora la vita emotiva delle persone? E in che modo le migliora al punto da essere considerata una straordinaria novità nel mondo della psicoterapia?

Il numero di ricerche cliniche riguardanti la mindfulness e le terapie di terza generazione basate sulla mindfulness è in crescita esponenziale e riguarda un numero straordinariamente vasto di disturbi e i problemi di salute.

Per comprendere le ragioni dell'impatto della mindfulness sulla salute, bisogna avventurarsi nella complessità delle più recenti idee e sperimentazioni sul comportamento umano. Secondo la Relational Frame Theory, un modello avanzato del linguaggio e del comportamento, una delle principali cause della sofferenza emotiva è l'evitamento esperenziale, cioè la tendenza a lottare contro alcuni aspetti della nostra esperienza interiore in quanto giudicata inappropriata, malata, incoerente, inopportuna, inadeguata, cattiva. Insomma, alla base della sofferenza emotiva vi è il tentativo di sbarazzarsi di idee, pensieri ed emozioni che non si allineano con l'idea che abbiamo o che vorremmo avere di noi stessi. Questo tentativo è naturalmente vano e comporta solo irrigidimento, complicazioni e sofferenza.

La pratica della mindfulness insegna invece a riconoscere le proprie emozioni e i propri pensieri, accogliendoli così come sono, nella loro semplice realtà percettiva. Insegna ad accettare un'idea di se stessi molto più ampia e articolata dei rigidi stereotipi che abbiamo costruito noi stessi per difenderci da inesistenti nemici. La pratica della mindfulness insegna allo stesso modo a non essere immediatamente coinvolti dalle proprie emozioni e a non reagire automaticamente agli eventi. Questo duplice allenamento porta ad una maggiore flessibilità cognitiva, rompe le catene della sofferenza psicologica, e lascia al loro posto maggiore libertà di azione e maggiore resilienza o capacità di adattamento flessibile.

Nonostante l'apparente semplicità di questi concetti, la mindfulness viene tuttavia frequentemente fraintesa.

L'accettazione, ad esempio, viene frequentemente confusa con la rassegnazione. Ma se la rassegnazione implica una rinuncia ad agire rispetto agli eventi, la mindfulness, al contrario, partendo dalla consapevolezza di ciò che è, predispone a muoversi in direzione dei propri valori più profondi ed autentici. La pratica della mindfulness si propone, infatti, di sostituire alcuni comportamenti reattivi, automatici e distruttivi con scelte consapevoli ed appropriate al contesto.

Un altro aspetto importante, eppure frequentemente spesso trascurato, è che la pratica della mindfulness non vuol dire soltanto "meditare", cioè dedicare alcuni minuti al giorno alla pratica formale della meditazione. La forza terapeutica della mindfulness deriva soprattutto dallo stimolo a introdurre nella propria vita degli elementi di consapevolezza che consentano di superare alcuni automatismi e sostituirli con scelte più sane e costruttive.

Ciò detto, ecco le tre abilità fondamentali che vengono apprese e coltivate con la pratica quotidiana:

  • Apprendere ad ancorarsi al momento presente, invece di essere coinvolti dalle emozioni catastrofiche, depressive o di bisogno compulsivo. L’attenzione al momento presente è infatti una componente fondamentale del Mindfulness Based Stress Reduction program di Jon Kabat-Zinn a fini terapeutici (Kabat-Zinn, 1990).
  • Essere più benevolenti con se stessi e con gli altri, riducendo la tendenza alla critica e al giudizio e incrementando la semplice osservazione.
  • Apprendere a riconoscere i pensieri in quanto tali, e a non considerarli dati di fatto.

L'utilizzazione della mindfulness sta avendo un profondo impatto sulla psicoterapia. Ad esempio viene superato il concetto di ristrutturazione cognitiva che si prefigge di modificare le convinzioni ed i pensieri. Con la pratica della mindfulness si persegue invece il “decentramento” (Kabat-Zinn, 1999; Segal, Wilson, Teasdale, 2005) e la “defusione” (Hayes, 1999) o de-identificazione dai propri pensieri. Viene superato inoltre il concetto di inconscio come entità separata dalla coscienza, sostituito dall'idea di processi che possono essere più o meno consapevoli.

Il cambiamento che la mindfulness ha portato nella psicoterapia è talmente evidente e importante da indurre molti autori a parlare di terapia cognitivo comportamentale di terza generazione, quasi a sottolineare il salto qualitativo del lavoro psicoterapeutico rispetto ai modelli precedenti.

La mindfulness viene utilizzata per lo stress con il protocollo MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction), per la prevenzione delle ricadute della depressione con il protocollo MBCT (Mindfulness Based Cognitive Therapy for Depression), per i disturbi di ansia e panico, i problemi di autostima, la fobia sociale e i disturbi dell'umore con l'ACT (Acceptance and Commitment Therapy), e per il trattamento del Disturbo Borderline di Personalità con la Dialectical Behaviour Therapy.

Tweets about "mindfulness"

Libri & ebook consigliati

Mindfulness - Guida pratica

Pietro Spagnulo

Guida pratica alla mindfulness, anche in formato ebook, con guide audio integrate, oppure liberamente disponibili online, o acquistabili come mp3.

La guida alla mindfulness più immediata, semplice e pratica attualmente disponibile. La complessità dell'argomento non consente infatti giri di parole. Vi sono alcuni principi della pratica che devono essere semplicemente messi in atto con immediato beneficio, lasciando la speculazione ad altri momenti ed altre sedi.

Corsi

Il protocollo MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction) ONLINE, per apprendere la mindfulness comodamente a casa con Marco Tosi, uno dei più autorevoli docenti di Mindfulness Based Interventions. Con video, audio, slide. Disponibile anche modulo ECM con 5 crediti formativi.

Il primo corso ONLINE completo sull'Acceptance and Commitment Therapy realizzato in Italia, costantemente aggiornato con le nuove acquisizioni per comprendere i principi metodologici e tecnici con cui impostare il trattamento o integrare il proprio setting con l'approccio ACT. Seconda edizione

Innovativo corso psicoeducazionale online per tutti sul Disturbo di Panico: in cosa consiste, come nasce, quali sono i sintomi e, soprattutto, cosa bisogna fare per superarlo.
Include una parte on-demand sempre disponibile e tutoraggio in videoconferenza. Con modulo di accreditamento (5 crediti formativi) ECM per medici e psicologi.

Corso FAD per psicoterapeuti, psicologi, psicoterapeuti età evolutiva

L’Acceptance and Commitment Therapy (ACT, in italiano “Terapia basata sull’accettazione e l’impegno”,   Hayes, Strosahl & Wilson, 1999), propone un atteggiamento verso il dolore e verso la vita radicalmente diverso: ogni persona sperimenta la sofferenza.

Corso interattivo live in videoconferenza con Pietro Spagnulo basato sul Corso anti-panico on-demand e sul libro Liberi dal panico per superare il disturbo di panico.

Gli incontri in videoconferenza durano due ore ciascuno e mirano a mettere a fuoco le difficoltà e le soluzioni personali per superare il problema del panico, dell'ansia anticipatoria e della fobia sociale.

La mindfulness non è solo una tecnica, ma un'abilità umana che può essere approfondita ed estesa, e approfondire la mindfulness significa, in fin dei conti, approfondire la conoscenza di se stessi, migliorare la qualità della propria vita e acquisire strumenti per affrontare le difficoltà emotive e lo stress.
Per questa ragione, una parte essenziale del lavoro con la mindfulness si svolge con il tutoraggio di una persona esperta che conduca l'inquiry, cioè la difficile arte di ricavare valore e conoscenza dalla propria esperienza di meditazione.

Un corso online gratuito su come calmarsi durante un attacco di panico, di Pietro Spagnulo.

Il trattamento del Disturbo di Panico basato sulla mindfulness e le terapia di terza generazione include diversi aspetti, tra cui la defusione e l'esposizione.

Sei ore di supervisione ACT in videoconferenza (suddivise in 3 incontri di 2 ore ciascuno) con Pietro Spagnulo.

L’Acceptance and Commitment Therapy (ACT) è uno dei più avanzati e fecondi approcci di terapia cognitivo comportamentale detti di “terza generazione”.

L’ACT si basa su:
1. La Relational Frame Theory, un modello del comportamento umano che supera alcuni limiti del cognitivismo e del comportamentismo.
2. Un rigoroso approccio scientifico ed epistemologico chiamato Contextual and Functional Psychology.
3. La mindfulness.

L'interazione con un istruttore qualificato è indispensabile per essere introdotti alla pratica della mindfulness o per approfondirne la conoscenza e le possibilità.

Il tutoraggio online consente una comoda consultazione di istruttori di grande competenza e esperienza anche se distanti dalla città in cui si abita.

L'Acceptance and Commitment Training è un corso di crescita personale basato sulla mindfulness e l'ACT - l'approccio più avanzato della terapia cognitivo comportamentale - per risolvere difficoltà emotive come l'ansia, il panico, la fobia sociale e i problemi di autostima.

Webinar con partecipazione del pubblico in aula, organizzato dall'Ordine degli Psicologi della Lombardia, con Pietro Spagnulo e Stefano Marchi di introduzione alla mindfulness nella psicoterapia contemporanea. Con dibattito finale a cui è possibile intervenire anche da casa. Iscriviti subito all'indirizzo http://www.opl.it/evento/19-10-2015-Webinar-Mindfulness-introduzione-e-a...

La psicoeducazione (educazione al disturbo, del paziente ed eventualmente dei suoi familiari) è stata sempre una componente fondamentale della terapia cognitivo comportamentale, al punto da divenire in se stessa un formidabile strumento terapeutico con una sua propria misurabile efficacia (Falloon, Liberman).

Apprendere la mindfulness è una esperienza intima di grande profondità che è fortemente influenzata dalla lingua utilizzata per comunicare con il trainer.

Quando si vive lontani dall'Italia, anche se si conosce molto bene la lingua del paese in cui si vive e lavora, l'esperienza di apprendimento della mindfulness può essere molto facilitata e approfondita dalla utilizzazione della madre lingua.

Parte del lavoro con la mindfulness ha a che fare con la scoperta di pensieri, emozioni e sensazioni che vengono intimamente riconosciuti e "nominati" in italiano.

Consulenza individuale in Acceptance and Commitment Training, la versione più aggiornata di lavoro personale con la mindfulness e l'ACT per superare le forme più diffuse di disagio emotivo (ansia, panico, DOC e problemi correlati allo stress e l'autostima).

Per richiedere una consulenza online, seleziona e contatta un consulente alla pagina consulenti online.